Mo te lo spiego a papà WOW

“Bambini datemi la mano che attraversiamo la strada”
“Guarda papààà, il pane a terraaaa”.
“WOW papà, ma guarda quante carte, e poi c’è pure un bicchiere di plastica”.
“Ma sono proprio scemi questi”.
“Io penso che sono pazzi che vogliono fare la città come una discarica”.

“Venite qui, lasciate in pace la mamma. Vi faccio vedere una magia”.
“Fammi vedere!”.
“Adesso faccio scomparire questa pallina che ho in mano”.
“Vai, fai papà”.
“Abra-cadabra, Abra-cadì la pallina non sta più qui”.
WOW, ma come hai fatto”.
“Mamma mia, ma sei proprio un mago”.
“Mamma, mamma, papà ha fatto scomparire la pallina”.
WOW mamma è magooo”.

“…e poi il tappeto cominciò a volare su tutta la città”.
“Guarda papà come siamo alti”.
“Si, fai attenzione a non cadere”.
WOW papà si vedono un sacco di cose”.
“Io vedo un sacco di case”.
“Io invece vedo un sacco di animali volanti”.

“Guarda papà…”
“Ma che cosa?”
“Quellooooo”
“Mi credevo che cosa!”
“WOW è bellissimo”

Se vivi in una città da sempre sporca proprio non ti stupisce un tozzo di pane e un bicchierino da caffè per strada. Una pallina di carta o un tappeto Ikea poi non sono proprio una cosa stupefacente da creare una magia e una cosa che neanche vedi figurati se ti fa dire WOW
Però ho pensato che a Babbo Natale chiederò proprio un mezzo chilo di WOW. Fa bene al cuore, fa bene agli altri e non costa niente: “WOOOW”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *