Perché papà e mamma litigano

“Stanotte sei venuto nel nostro letto almeno tre volte”.
“Mmmmmm”.
“Ma non ti piace il tuo letto? Se vuoi lo vendiamo”:
“Mmmmmm”.
“Ognuno deve dormire nel suo letto e mamma e papà avranno pure il diritto di dormire vicini vicini senza nessuno in mezzo”.
“Mmmmmm”.
“Ho capito stai nervoso perché ieri sera io e la mamma abbiamo litigato”.
“Mmmmmm”.
“Ma non ti devi preoccupare. Può capitare che anche noi litighiamo”.
“Mmmmmm”.
“Se alziamo la voce e facciamo discussione è perché abbiamo delle idee diverse oppure perché su una cosa non andiamo d’accordo, ma non significa che non ci amiamo più”.
“Mmmmmm”. 
Possono nascere sempre delle incomprensioni o ci sono sempre delle cose dell’altro che ci fanno innervosire, ma ognuno ha anche tante cose belle per cui vale la pensa stare insieme”.
“Mmmmmm”. 
“Capisco che questa cosa ti fa agitare, ma devi sapere che anche noi litighiamo”.
“Mmmmmm”.
“Quando fai a botte con tuo fratello o vi riempite di pernacchie mica significa che non gli vuoi più bene? E poi dopo cinque secondi siete di nuovo culo e camicia”.
“Mmmmmm…culo”.

“A volte mamma si arrabbia con me e a volte io con la mamma, ma questo non significa che succederà qualcosa. Cerchiamo sempre di trovare una soluzione. Qualche volta cede mamma e qualche volta cede papà”.
“Mmmmmm”.
“Scusa, quando papà vi sgrida mica è arrabbiato per sempre con voi? Dopo un po’ passa. Quando ami qualcuno fai di tutto per fare pace”.
“Mmmmmm”.
“Pure tua mamma fa sempre questo verso quando è arrabbiata. Lo sento che viene fuori dalle narici come un toro infuriato”.
“Mmmmmm”.
“Daiii fai il toro, daiiii”.
“Mmmmmm…toro”.
“Bravo così, rilassati un po’ e giochiamo che è meglio”.
Mmmmmm… giochiamo”.
“Si però stanotte resti nel tuo letto perché altrimenti mi fai male con le corna”.
“Mmmmmm…Mmmmmm”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *