Cavani, mo te ne vuoi andare?

“Papà, ma io non voglio giocare più qui”.
“E perché ?”.
“Che ne so lo ha detto lui”.
“Allora lo ha detto tuo fratello e non tu”.
“Però pure io non voglio giocare”.
“Se tuo fratello mi deve dire una cosa viene lui direttamente e non manda te”.
“Ma lui non vuole venire”.
“Digli che viene qui immediatamente”.

“Papà-aaa, mmm sentiii, io non voglio più giocare qui”.
“Ma se mi hai tolto la salute che volevi venire dal tuo amico Ruggero”.
“Però io voglio andare da Alice”.
“Ma guarda che abbiamo smosso mari e monti per organizzare questa cosa”.

Fonte: Repubblica.it e Piazza Municipio a Napoli

“Però io volevo andare a giocare con Alice”.
“E scusa perché non l’hai detto subito?”

“Però mamma…”
“Che c’entra mamma. Io l’ho chiesto a te e mi hai detto che volevi venire qui dal tuo amico del cuore”.
“Però a casa di Alice è più bello”.
“Ma non ho capito fai come Cavani?”
“Perché che ha fatto Cavani?”
“Per ora niente, ma sta facendo come te. Prima dice una cosa e poi un’altra”.
“E possiamo dire a Ruggero che ce ne andiamo?”
“Amore mio guarda che quando si prende un impegno lo si mantiene. I nonni di Ruggero lo hanno riportato a casa e la sua mamma ha preparato una merenda squisita”.
“Ma a casa di Alice però la merenda è più buona”.
“C’è sempre qualcuno che prepara una merenda migliore, ma questo non significa che bisogna tradire un amico”.
“Io però lo voglio bene a Ruggero”.
“Lo so che gli vuoi bene, ma sarebbe stato più corretto parlare chiaro e dire quale era la propria preferenza sin dall’inizio”.
“E ora possiamo andare?”
“Se non stai bene in un posto e sei insofferente vediamo quello che si può fare, però non è giusto fare così. Sarebbe stato più bello essere sincero con l’amico a cui tieni tanto”.
“Però pure Cavani se ne vuole andare”.
“La questione non è che se ne vuole andare, la questione è che lui è un adulto, un professionista, uno che dice di amare Napoli e non si può comportare come te che sei un bambino che se fa i capricci lo posso pure capire”.
“Ma pure Cavani vuole andare a casa di Alice?”

“No, ma pure lui dice che la merenda è migliore in un altro posto”.

P.S. Cavani senti, a Napoli si dice che O’ parlà chiaro è fatto per gli amici e tu di amici ne tieni assai, prima di tutto Hamsik da cui avresti qualcosa da imparare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *