La perfezione di una festa per inaugurare casa

“Papà, ma quando arrivano gli amici per la festa?”
“Tra un poco, ma non è una festa”.
“Mamma ha detto che dobbiamo festeggiare la nuova casa”.
“Sì, ma é un pranzo con le persone che amiamo e con cui vogliamo condividere la gioia per questa nuova casa”.
“Papà allora é una festa”. 
“Va bene é una festa”.
“Ma ci sono pure gli animatori?”
“Assolutamente no”.
“Ma io volevo il mago come alla festa di Alice”.
“Bello di papà per questa nuova casa abbiamo fatto già tante magie e poi oggi facciamo solo un pranzo”.
“Uffa peró”.
“Mi dispiace, ma mica le cose possono essere sempre come le abbiamo in mente?”
“Ma li portano i regali?”
“Quasi sicuramente, ma saranno cose per la casa oppure per il pranzo. Secondo me arriverà del buon vino, ma non è certo un regalo per bambini”.
“E a noi?”
“Voi passerete un bel pomeriggio a giocare con gli amici, ma mi raccomando che la casa é nuova nuova e quindi dovete fare attenzione a non sporcare o a far danni”.

É bello vedere intorno a te amici, parenti e bambini che trascorrono felici una giornata insieme. É proprio una cosa perfetta, di quelle che si imprimono nella mente e ti lasciano il gusto del bello per sempre. 


“Papà guarda cosa é successo nella nostra stanza”.
“Madonna mia, adesso mi viene un infarto. Chi é stato?”
“Lui”.
“Ma se tu hai ancora in mano quella maledetta bomboletta delle ragnatele di Spider Man”.

“Ma non lo so”.
“Ora chi glielo dice a mamma”.

Non è che volessi avere casa intatta a vita, ma almeno il primo mese. É passata una settimana soltanto e avere il soffitto pieno di ragnatele viscide che staccandosi lasciano la macchia non è proprio una cosa bella.
Il silenzio di cinque bambini per qualche minuto mi avrebbe dovuto insospettire. 
Anche oggi ho imparato che la perfezione non esiste quando hai una famiglia. Quando vuoi che le cose vadano in un modo poi ti ritrovi magari nella direzione opposta. Un grande capacità dei genitori é quella di far fronte agli imprevisti che si hanno con una certa elasticità, con una certa autocritica e direi anche con stile. 

“Amore, guarda cosa hanno combinato i bambini”.
“Va be, non fa niente é più bello”.

Ps In altri tempi MPS starebbe ancora gridando. Lei sí che è la perfezione. 

4 comments

  1. ReplyGemma

    fortuna che ero a casa ammalata.
    Potevo offendermi che non mi avete invitata (ovviamente mi sarei offesa solo con te e mai con MPS) 😉

  2. ReplySqua

    Ho sinceramente pensato che fosse una decorazione pensata e voluta. È davvero carina. Magari anche un po’ di giallo ed è fatta.

  3. ReplyPapà mamma

    Complimenti x la casa nuova e x l’aplomb della Principessa!! Grande donna. Imprescindibile la festa. Bravi. Un caro saluto, Paola

  4. ReplyPapà mamma

    Complimenti x la casa nuova e x l’aplomb della Principessa!! Grande donna. Imprescindibile la festa. Bravi. Un caro saluto, Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *