5 cose che non sapevate sul libro Mo te lo spiego a papà

Mo te lo spiego a papà è il libro edito da TEA che ho scritto io. Lo so che potrebbe essere fastidioso, ma ci sono cinque cose che proprio non riesco a trattenere più e ve le devo dire.

  1. Non è un libro per bambini: Io l’ho detto al mio editore che molti avrebbero pensato che quel disegno in copertina indicasse un racconto per i più piccoli. Bene ora ve l’ho detto, è una scrittura per adulti che ha il fine di strappare un sorriso e di provare a fare una riflessione. In poche parole ci sono delle battute che i bambini non le capiscono e non perché sono stupidi, ma perché non hanno un certo vissuto e poi perché….va bè, se non ci credete leggetelo e poi mi dite.
  2. Non è la copia del blog: Quello che trovate nel libro non lo troverete mai nel blog. Le 231 pagine contengono emozioni, aneddoti, considerazioni e soprattutto una storia d’amore che non è descritta in rete per cui non dite: “Ma io ti seguo su Facebook oppure leggo il tuo blog”. Non è la stessa cosa, se non ci credete leggetelo e poi mi dite.Mo te lo spiego a papà- libro edizione TEA
  3. Non è un libro per i papà: Un papà fondamentalmente non legge il libro di un altro papà che  in maniera divertente spiega le emozioni dell’essere padre, quello che succede a casa sua e come supera tutto questo. Lui queste cose le sa già per cui questo è un libro soprattutto per le mamme affinché compiano questo viaggio nella testa di un papà e se ne facciano una ragione. Non ci credete? Leggetelo e poi mi dite.
  4. Non è un manuale: E’ vero in libreria lo trovate nella sezione dei manuali dei genitori, ma è solo perché chi etichetta un libro in genere non lo legge. Vi assicuro che non troverete un consiglio su come fare. Mo te lo spiego a papà racconta la propria esperienza che poi somiglia a quella di tanti altri. Non esiste un genitore uguale ad un altro ed è per questo che non dovrebbero esistere manuali in questo campo, ma storie con cui confrontarsi. Leggetelo e poi mi dite.
  5. Si legge anche in bagno: E’ vero che in Italia non si legge, ma non è certo un paese di stitici. Quindi visto che il tempo medio si aggira intorno ai dieci minuti almeno vi fate una risata e nel giro di una decina di giorni lo avete pure finito il libro. Se non ci credete, compratelo e lasciatelo fisso in bagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *