Gli scacchi, il talento e un maestro ostinato

Gli scacchi sono i protagonisti del film della Disney Queen of Katwe

Il film, in onda su Sky cinema, è ispirato alla storia di Phiona Mutesi e del suo maestro Robert Katende.

Phiona è una bambina che vive nella baraccopoli di Katwe, presso la città ugandese di Kampala.

E’ molto povera, non va a scuola e deve lavorare tutto il giorno per trovare un po’ di soldi per sfamarsi. 

Un giorno, spinta dalla curiosità, va allo Sports Outreach Institute, un’associazione umanitaria che distribuisce pasti gratuiti e che ha anche un piccolo club scacchistico.

Lì l’incontro che le cambierà la vita, non quello con gli scacchi, ma con il maestro Robert Katende.

Phiona è una bambina talentuosa, ma anche una bambina abituata ad essere ultima, a non avere niente e neanche a fare sogni. Il lavoro più grande dunque non è stato quello di insegnarle le mosse, i piani di attacco, le strategie, ma ad avere fiducia nei propri mezzi. 

Il lavoro del maestro è stato straordinario, se non ci fosse stato lui il talento di Phiona non sarebbe mai venuto fuori. 

Cosa più straordinaria ancora è quella di pensare che un gioco come gli scacchi possa essere di aiuto in una baraccopoli dove si muore di fame. E invece questo progetto esiste dal 2007, è diventato un modello per l’Uganda e per altri paesi e soprattutto ancora oggi aiuta centinaia di ragazzi.

In un’intervista rilasciata al The Guardian, Phiona dice: “If you make smart moves you can stay away from danger, but any bad decision could be your last.” “Se fai movimenti intelligenti puoi stare lontano dal pericolo, ma qualunque decisione cattiva potrebbe essere l’ultima. “

Il mondo ha bisogno di persone che insegnano cose simili, sono loro che meritano premi, sostegno, denaro. Senza di loro non c’è emancipazione, non c’è crescita, non c’è futuro. 

Grazie Robert Katende, il mondo è un posto migliore grazie a te.

2 comments

  1. ReplyEli

    Ciao,
    Bellissimo articolo. Come sempre. La settimana scorsa sono venuta a Napoli per lavoro. Questo giovedì ritorno con la mia famiglia. Le cose belle vanno condivise. E la tua città è una di queste. Spero anche le mie bimbe rimangano incantate dalla magia della vostra terra.
    Un abbraccio. Elisheba


  2. Author
    ReplyFrancesco Uccello

    Grazie Elisheba, vedrai le tue bimbe saranno contente di Napoli. Ci sono tante cose belle da vedere e soprattutto da mangiare. Se hai bisogno di qualche dritta scrivimi su facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *