L’altalena e il suo potere magico

Era da molto tempo che non andavo in un parco giochi, ma qualche giorno fa ne ho attraversato uno per caso. 

Mentre camminavo mi sono girato di scatto perché avevo sentito dei bambini gridare in modo strano, sembravano più urla di disperazione, ma per fortuna era solo un modo bizzarro di giocare. 

Distratto da quanto era successo sono andato a sbattere sui pali di un’altalena. Il bambino che c’era sopra mi ha guardato stranito, ma poi si è messo a ridere. In effetti andare a sbattere mentre si cammina è una cosa davvero divertente. E così ho iniziato anche io a ridere di gusto. 

A quel punto non sapendo cosa fare per togliermi dall’imbarazzo ho chiesto di fare un giro sull’altalena. Quel bambino, vedendomi ancora con la mano sulla fronte per il dolore, non ha esitato un attimo nel cedermi il posto. 

Prima di salire mi sono accertato che reggesse il mio peso e che l’altalena fosse solida. Aveva dei pali di legno ben saldi e delle corde che avrebbero sostenuto un elefante. Sono bastati pochi secondi per farmi passare il dolore e anche tutti i pensieri che avevo. 

L’altalena ha un potere magico perché quel movimento ti scrolla dalla mente i pensieri negativi. E’una specie di massaggio fatto con mani sapienti che ti prendono la testa e te la muovono dolcemente. 

L’altalena è una macchina del tempo perché ti riporta a quand’eri bambino facendoti sentire per qualche secondo senza problemi, senza preoccupazioni. Ed è per questo motivo che quasi non sarei voluto scendere più. Il bambino a cui avevo preso il posto non a caso dopo un po’ mi ha detto: “Signore sei sicuro che non ti fa male la testa?”

Ho capito che era il momento di tornare con i piedi per terra e di lasciare spazio a chi ha tutto il diritto di starsene lì per tutto il tempo, con le gambe all’aria gridando di gioia. 

Nei giorni successivi sono ripassato un’altra volta in quel parco, quello con i giochi Wickey, ma non ho avuto il coraggio di chiedere a nessun bambino di lasciarmi fare un giro.

Le altalene sono sempre le più richieste ed io non potevo certo far finta di andare a sbattere per intenerire qualcuno che mi avrebbe ceduto il posto. L’unica cosa che posso fare è comprarne una il prima possibile così da poter viaggiare nel tempo ogni volta che voglio. Ve lo consiglio vivamente, ma se proprio non avete dove metterne una, allora più spesso fate un giro in un parco giochi all’aperto, riconcilia col mondo.

Post sponsorizzato da Wickey

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *