Fratelli di sangue

Il giorno del settimo compleanno di DA1 ho capito che cosa significa essere fratelli di sangue. DSC_0363

La giornata è trascorsa all’insegna dei preparativi, quelli che sin dal mattino mettono agitazione perché c’è da preparare le cose da mangiare, allestire il terrazzo e soprattutto controllare la giusta temperatura dell’acqua e della coca-cola. Mica è semplice organizzare una festa a casa? Noi, poi, non ci limitiamo ai soli bambini, ma a genitori onnivori che digiunano una settimana quando sanno che troveranno i peperoni della nonna, le pizze fritte di MPS e il vino del nonno. Le sale per le feste con l’organizzazione all-inclusive aumentano, e capisco bene il motivo. Tu paghi non solo per avere qualcuno che sbrighi per te la lista delle cose da fare, ma soprattutto qualcuno che si faccia carico dell’agitazione di quel giorno. 

A due ore dall’evento inizia la fase di lavatura e stiratura. 

Ad un tratto le urla dei mie figli: tragedia. DA2 sbatte con la fronte sul camino e il sangue comincia a scorrere. 

I miei occhi hanno visto un volto insanguinato e una ferita da cui mancava un pezzo. 

Non è stato lui, sono caduto da solo” ripeteva DA2 mentre DA1 piangeva per lo spavento. 

Siamo corsi all’ospedale che fortunatamente è vicino casa (sono comodità), lasciando la nonna con DA1 in preda al panico. 

Al pronto soccorso ci hanno detto che ci sarebbero voluti i punti di sutura e così, memore di un’esperienza precedente dove ne avevamo totalizzati dieci, ho cominciato a sudare freddo.

Lo sapete che i punti si mettono senza anestesia?

Durante l’operazione di cucitura l’impavido DA2 ripeteva: “Mamma, sono caduto da solo, non è stato mio fratello. Ma ora sta piangendo, vero? Diglielo che mi sono fatto un graffio“. 

Un graffio? Altro che punti di sutura, questi sono punti di vista. 

A distanza i due fratelli si pensavano, si cercavano e si dispiacevano l’uno dell’altro. In mezzo due genitori spaventati. 

Ho toccato con mano cosa significa essere fratelli di sangue, specie quando uno dei due lo versa. 

Il miracolo poi è continuato anche la sera quando, scartando i regali, DA1 ha detto al fratello: “Tieni, questo è per te“. 

“Bravo a papà, sei stato proprio generoso con tuo fratello che oggi si è fatto male”. 

“Papà, glielo ho dato perché quello era un doppione”. 

P.S. Con i Lego, come regali, non si scherza. Puoi anche buttare il sangue!

6 comments

  1. ReplyElisabetta

    Ti leggo spesso e ogni volta penso a quanto sei bravo.
    Come papà, marito, educatore. Ma soprattutto quale uomo sei. La tua dirittura morale è un esempio per tutti. E soprattutto dimostri quanto valore c’è in una persona anche se vive in un posto difficile come dici. Io vivo al nord. In un quartiere bene. Come direbbero i giornali. Dove magari alle 11 di sera puoi uscire da sola e non ti succede niente. Oppure incontri lo spacciatore. Di cocaina, però. Che qui ci abitano i ricchi. Quelli che quando sentono parlare di Napoli dicono che ci vorrebbe l’esercito. E non sanno che lì abitano persone come te. Come la tua famiglia. Che certo è mille volte migliore di loro.
    Un abbraccio da una mamma e da un papà che sperano che le loro due principesse incontrino nella vita persone come te.
    Elisabetta

  2. ReplyElisabetta

    Ah. Scusa. Auguri per il compleanno . le mie figlie si massacrano a volte. Ma si coprono. E io mi commuovo.


  3. Author
    ReplyFrancesco Uccello

    Elisabetta, grazie di cuore. Mi sono davvero emozionato a leggere il tuo commento. Sarò felice di ritrovarti ogni volta.

  4. ReplyPasquale

    Due caratteri diversi ma un unico grande amore che nessuna mai gli toglierà. Vederli litigare , giocare e abbracciarsi è la cosa più bella che posso assistere ogni giorno. A te Ciccio dico solo B R A V O.

  5. Replymaria

    Ottima padronanza della lingua italiana nel spiegare con sapiente ironia il rapporto genitore-figli..compro gioia e vado subito a cercarti.

  6. Replysearch engine optimization

    Excellent site you have here but I was wondering if you knew of any community forums that cover the same topics discussed in this article?

    I’d really love to be a part of community where I can get opinions from other knowledgeable people that share the same interest.
    If you have any suggestions, please let me know.
    Appreciate it!

    Here is my web site search engine optimization

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *