Ho i figli marionette e tu?

MarionetteIo ho i figli marionette e voi? 

Non fanno un passo se non viene mosso il filo giusto. 

Io ed MPS ci sentiamo come se vivessimo in uno spettacolo che non finisce mai dove il nostro compito è quello di muovere questi fili per fare in modo che i bambini vadano da una parte all’altra, che facciano una cosa piuttosto che un’altra. 

Ci sono cose che diciamo mille volte per cui ti aspetti che ad un certo punto i bambini facciano da soli, invece ogni volta è la stessa storia e occorre azionare il filo altrimenti il movimento non parte.

Le frasi più ripetute, quelle che ti fanno saltare i nervi perché speri che l’abbiano interiorizzate sono:

  1. Spegni la luce nel bagno quando hai finito.
  2. Chiudi la porta di casa quando esci, 
  3. Accosta la sedia alla tavola quando ti alzi. 
  4. Non stare scalzo sul pavimento.
  5. Non arrotolare il pigiama come una palla.
  6. Alza la tavoletta del gabinetto. 
  7. Pulisciti il naso col fazzoletto e non con la manica.
  8. Lavati i denti. 
  9. Preparati lo zaino per la scuola. 
  10. Non lasciare le carte della merenda sul divano. 
  11. Non lasciare la tv accesa quando hai finito di guardarla. 
  12. Dire buona sera o arrivederci non è un delitto.

Dire ogni giorno tutte queste frasi, anche più volte, è una cosa logorante. 

Basterebbe un’app dove ad ogni numero della tastiera del telefono corrisponda una delle frasi registrate dal genitore. Visto che questi sono nativi digitali allora contemporaneamente il bambino potrebbe avere un suo profilo dove ad ogni azione eseguita potrebbe accumulare un punteggio che gli dia diritto alla scelta di alcuni premi. 

Nel frattempo che venga realizzata questa app resta il problema di sentirsi uno che muove le marionette, un genitore quasi rassegnato al fatto che se non vengono mossi i fili non ci sia nessuna azione. 

A volte questa cosa fa sentire importanti, altre è mortificante. 

Il bambino in ogni caso se ne fotte. 

Il mio comportamento è sicuramente sbagliato, altrimenti non avrei scritto un post per ricevere consigli, ma poiché questa cosa mi manda al manicomio mi chiedo quanti soffrono dello stesso sconforto. 

A volte mi capita di dire una cosa prima di osservarne l’esito. Quando lo faccio mi rendo conto che non giova alla crescita del bambino e non alimenta certo la sua autonomia, ma santo Dio glielo ho detto mille volte…e che cazzo! (Lo so che non si dicono le parolacce, me l’hanno detto mille volte)

3 comments

  1. ReplyM di MS

    Non è colpa tua. Altrimenti non si spiegherebbe perché i miei si comportino esattamente nello stesso modo (a parte x i saluti, che compensano con lo stare scomposti ).


  2. Author
    ReplyFrancesco Uccello

    Veronica già mi sento meglio. Meno male che esiste l’internet dove ci si può confrontare.

  3. ReplySabrina

    io potrei inserire un disco a comando… mettiti le ciabatte, lavati i denti, pulisciti il naso, tira su le maniche quando ti lavi, e, soprattutto, TOGLIETEVI LE SCARPE QUANDO SI ENTRA IN CASA!!! Aiutoooooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *