Giocare fa bene al cuore: Hot Wheels e La Scatola dei Giocattoli

MATTEL La scatola dei giocattoli di papà 2E’ arrivato un pacco speciale dal progetto MATTEL, La Scatola dei Giocattoli, e dentro ci ho trovato la DeLorean.

Lo sapete che cosa è?

La macchina del tempo nella trilogia di Ritorno al Futuro, quella inventata da Doc e guidata da Marty McFly.

Per viaggiare nel tempo occorreva che la macchina raggiungesse 88 miglia orarie (141 km/h) in modo da attivare il flusso canalizzatore e sparire dopo un po’ in un lampo accecante. A me è bastato aprire il coperchio del pacco che mi ha mandato La Scatola dei Giocattoli e vedere quelle Hot Wheels per balzare indietro nel tempo.

“Bambini, venite a vedere questa macchina che mi hanno regalato”.

“Papà, ma per noi non c’è niente?”

“Sì, ci sono pure per voi”.

“Ma la tua macchina è più grande”.MATTEL La scatola dei giocattoli di papà 4

“Questa è speciale perché viaggia nel tempo”.

“E come fa?”

“Occorre farla andare velocissima. Vogliamo provare?”

“Sì, ma come?”

“Occorre creare una pista ben delineata in modo che possa andare e tornare sempre dallo stesso posto”.

“Ma pure le nostre hot wheels possono farlo?”

“Solo quando si diventa grandi si può viaggiare nel tempo”.

“Allora veniamo in macchina con te”.

Nella mia Scatola dei Giocattoli c’era anche un video dove si vedono alcuni papà che giocano insieme ai figli. Quella complicità mi ha emozionato perché ci ho MATTEL La scatola dei giocattoli di papà 3visto bambini felici di fare una cosa non certo usuale. Volevo anch’io divertirmi come hanno fatto quei papà nel video e sbirciare le facce dei miei figli. In fondo La Scatola dei Giocattoli è anche uno spazio dove trovare tutti i giochi che uno ha avuto sin da piccolo, è un luogo dove conservare i ricordi legati ad essi. Approfittando della De Lorean ho trascorso, così, qualche ora a giocare disteso sul pavimento come facevo quando ero bambino.

Sono stato prima negli anni ’70 in giro con le macchinine tra le villette e le caserme costruite con i mattoncini, ma poi è stato d’obbligo fare un salto nel 1985, quando, dopo aver visto Ritorno al Futuro, giravo anche io con lo skateboard.

Giocare con propri figli è sempre una bella esperienza, però quando si inizia a raccontare cose del passato un po’ ci si sente vecchi, anche perché si sa i bambini fanno sempre un sacco di domande.

“Papà, ma anche tu avevi le Hot Wheels?”

“Sì, già esistevano”.

“E come ci giocavi?”MATTEL La scatola dei giocattoli di papà

“Le facevo camminare sulle strade più improbabili”.

“Anche sul frigorifero?”

“Sì, ma ora non se ne parla”.

“Allora lanciamole dal letto”.

“Mi sembra una buona idea”.

È sempre una buona idea lanciarsi a fare cose nuove o a riprendere quelle vecchie che ci fanno sentire bene.

Ogni tanto giocare con i figli rinfranca, è un tuffo nel passato, allena le ginocchia e stimola la fantasia, ma soprattutto previene dalle malattie cardiovascolari perché si sa che un cuore che si diverte è un cuore forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *